Sito Ufficiale del Comune di Alanno (PE)

 
  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Conoscere Alanno Luoghi di Culto

Luoghi di Culto

E-mail Stampa PDF

CHIESA "SAN FRANCESCO"

La chiesa di S. Francesco con il convento annesso dedicato a S. Ludovico risale alla fine del 1200 inizi del 1300.

Attraverso i secoli questa chiesa subì numerose trasformazioni fino al 1575 dove si trasformò radicalmente acquisendo l'attuale stile barocco con cinque altari come oggi si osserva.

Fu nuovamente restaurata nel 1910 ma il terremoto del 13 gennaio 1915 la compromise parzialmente facendo cadere le volte che in un primo momento vennero sostituite con soffitti piani e poi definitivamente nel 1940-1941 furono abbattute e sostituite con le attuali finte volte.

Il convento fu chiuso una prima volta dopo la soppressione napoleonica nel 1832 e definitivamente abbondato dai frati dopo la seconda del 1866.

I suoi vasti locali siti in una ottima posizione al centro del paese passarono in proprietà al Comune di Alanno e nel 1872 Enrico Ruggieri lo trasformò nell'attuale sede dell'Istituto Tecnico Agrario.

La facciata della Chiesa venne ricostruita con l'attuale prospetto nel 1880, dando sistemazione alla piazza, al viale ed ai locali attigui all'ex convento.

All'interno della Chiesa, si conservano parecchi quadri dipinti su tela, murati nelle pareti in apposite riquadrature sugli altari o in alto.

Il quadro in fondo al coro che rappresenta l'Immacolata è a firma di "Paulus De Maio, sono invece di "Raniero da Guardiagrele", con data 1794, le altre tele della Crocifissione, delle Stimmate di S. Francesco, dell'Immacolata, di S. Antonio oltre a due ritratti di Papi in forma ovale raffiguranti Sisto V e Clemente VII.

Questo artista lavorò ad Alanno per incarico del P. Giuseppe Conti Guardiano del Convento annesso alla chiesa.

 

Sede Parrocchia: Piazza Umberto I

 


  

CHIESA "MADONNA DELLE GRAZIE"

L'oratorio di Santa Maria delle Grazie sarebbe sorto nel 1498, secondo un antica tradizione, sul luogo di una miracolosa apparizione, pare infatti che un pastore di nome Paolo Androno ebbe una visione della Madonna che gli chiedeva di provvedere alla sistemazione della propria dimora.

La sua edificazione, o riedificazione (su una precedente cona rurale) terminò nel 1505 e bene presto la chiesa si arricchì grazie a donazionie rendite.

Ad un originaria presenza monastica, collegata lala vicina abazia casauriense, la quale aveva giurisdizione spirituale su Alanno, sono da attribuire le tracce di un chiostro a cui la chiesa è addossata.

L'aspetto esterno del porticato e della costruzione nel suo complesso si presenta semplice e austero; al suo interno invece si presentano meravigliose decorazioni barocche, un susseguirsi di stucchi dorati, cornucopie, statue a tutto tondo, fregi e sopratutto affreschi.

La semplice facciata è costituita da un portico ad una sola arcata, che introduce ad un elegante portale dalle linee rinascimentali, scolpito in pietra tenera della Maiella con fregi e motivi floreali datato 1505 e attribuito alla bottegadi Giacomo Di Silvestro da Sulmona. In alto la lunetta a pieno centro racchiude un afresco rappresentante la scena della Deposizione.

L'interno, un particolare esempio di barocco abruzzese, è frutto di una trasformazione seicentesca: un aula unica absidatadivisa in due campate coperte con volte a crociera in cui si aprono quattro cappelle, due per lato. Nella prima a sinistra troviamo tre nicchie con statue di santi francescani, nella seconda cappella, un Crocefisso con la Vergine e la Maddalena a tutto tondo.

Meno pronunciate le due cappelle di destra: la prima è dedicata a S. Antonio Abate, la seconda a S. Clemente.Alla fine del XVII secolo fu realizzato il perduto pavimento in maiolica commissionato a Cesare Leognani Fieramosca, attribuibile a maiolicari castellani attivi a Torre de' Passeri.

Le vele della volta sono affrescate con scende dek Creatore e delle dodici Sibille, opere pittoriche attribuite a Angelino di Befi, Tommaso di Berardino di Aquila e Antonello de Castellis di Tocco risalenti alla seconda meta del 1600. Le stuccature, terminate nel 1675, sono opera invece del milanese Donato Ferada.

Attraverso l'arcodi trionfo, sui cui pilastri sono rappresentate Quattro Virtu' si raggiunge l'abside.

Dietro l'altare vi è il grande afresco dell'Incoronazione di Maria, datato 1608, mentre nelle lunette dell abside vi sono dipinte scene della vita di Maria, datate 1522, e attribuite alla scuola di Andrea de Litio, con maggiori probabilità riferibili ad influenza marchigiane.

Sulla volta absidale, in due vele contrapposte ci appaiono i Quattro Evangelisti con accanto i loro simboli, mentre nelle altre il Creatore circondato dai Dottori della Chiesa con in mano un cartiglio indicante il proprio nome.

L'altare maggiore risalente al 1642, è composto da colonne decorate con tralci e arabeschi dorati; queste sorreggono una ricca trabeazione sulla quale trova posto la Madonna col Bambino in stucco a tutto tondo. Al suo interno l'altare accoglie un prezioso trittico, dipinto a tempera su tavola di forma tricuspidale.

Negli sportelli laterali vi sono le immafini di San Sebastiano, antico patrono di Alanno, S. Clemente Papa, mentre nello scomparto centrale è la Madonna incoronata cui due angeli reggono e sollevano il manto. L'opera, in passato attribuita a Antonio De Ninoalla scuola del Pinturicchio (1455-1513), poi ricollegata all opera di Andrea De Litio, sembrerebbe ricollegabile all opera del maestro di Beffi e di Antonio di Atri.

Le coordinate figurative rimandano alle esperienze del gotico internazionale marchigiano dei primi del 400 e dei maestri campani. Si può ipotizzare pertant che il trittico rappresenti il punto di congiunzione fra culture tirreniche ed adriatiche del periodo gotico.

 

 Sede Parrocchia: Via Madonna delle Grazie

 


 

 


CHIESA "ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA"

 Ricostruita nel 1925 in sostituzione del precedente edifi cio del XII sec. distrutto dal terremoto del 1915, è stata ristrutturata nel 1960 e nel 2004.

 

All’interno vengono conservate tre pregevoli tele: “Ascensione di Cristo” del 1601, “Madonna della Misericordia” del 1630 e una “Madonna del Rosario” del cinquecento a forma di lunetta ogivale, e due statue: una “Madonna della Misericordia” in legno policromo del XIV sec. e “S.Clemente” in pietra appartenente alla chiesa del XII sec.

 

Sede Parrocchia: Piazza Trento
Parroco: Don Giorgio Giampaolo
Telefono: 085/8573147
Sede casa canonica: Via Gabriele D’Annunzio, 7
Orario sante messe: GIORNI FERIALI – 18:00 (luglio/agosto/settembre 19:00) GIORNI FESTIVI -10:30 e 18:00 (luglio/agosto/settembre 19:00)

 


  

CHIESA "CRISTO RE"

La Parrocchia N.S.Gesu' Cristo Re dell'Universo nasce l'08.12.1953 durante il Pontificato di Papa Pio XII allorquando venne eretta con decreto dell'allora Vescovo di Penne-Pescara Mons.Benedetto Falcucci, mentre il riconoscimento giuridico da parte dello Stato Italiano arrivo' il 25.03.1954.Primo parroco fu don Antonio Vanzo, il quale arrivo' nella piccola Alanno Scalo nel mese di luglio del 1953 rimanendovi per circa cinque anni.Fu questo insigne sacerdote venuto dal Nord Italia a dare slancio definitivo alla nuova comunita' parrocchiale con instancabile lavoro spirituale e di catechesi, nonche' attraverso il compimento di opere concrete, quali la costruzione di una casa canonica adiacente alla chiesetta, realizzata esclusivamente con le offerte e la manodopera dei fedeli. Nel 1972 in Alanno Scalo fu ristrutturata la chiesa della 'Madonnella',anche questa realizzata esclusivamente con le offerte dei fedeli.. La Parrocchia e' animata da una serie di manifestazioni esterne che, a distanza di anni, possono considerarsi delle vere tradizioni. La rappresentazione del Presepe vivente viene riproposta nel tempo di Natale, al Sant'Antonje nel mese di gennaio. La solenne processione del Venerdi' Santo con gli Incappucciati e il commovente incontro della sacra urna del Cristo Morto con l'Addolorata.Le feste popolari in onore dei SS.Protettori Emidio e Gabriele dell'Addolorata ogni anno la seconda domenica di giugno, la Madonna del Carmine il 16 luglio. Ogni anno, nella notte tra il 12 e il 13 dicembre, dalla chiesa della Madonna del Carmine, dove e' posta la statua di S.Lucia, parte la tradizionale 'Pastorella' che attraversa le varie zone e vie del territorio comunale,allietando con l'armoniosa melodia che e' preludio alle feste natalizie.

 

Sede Parrocchia: Via delle Nazioni Unite
Parroco: Don Faustino Libakata
Telefono: 085/8542131
Sede casa canonica: Via Don Vanzo, 3
Orario sante messe: GIORNI FERIALI – 18:00 (aprile-ottobre 19:00) GIORNI FESTIVI – 11:30

 


 

 


CHIESA "MARIA SANTISSIMA DEL CARMINE"

 

Sede ParrocchiaVia Santa Maria Del Carmine
Orario santa messa: GIORNI FESTIVI – 9:00 

 

 

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 28 Maggio 2012 12:11 )  

Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente

Toponomastica

alanno-toponomastica

Raccolta Differenziata

Dei Rifiuti Porta a Porta

Sportello Qui Enel

Statuto Comunale

PEC COMUNALE

Trasparenza Amministrativa


Trasparenza, Valutazione e Merito

Calendario

Marzo 2017
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Contatore Visite

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi1153
mod_vvisit_counterIeri1395
mod_vvisit_counterQuesta Settimana7097
mod_vvisit_counterLa Scorsa Settimana11300
mod_vvisit_counterQuesto Mese40986
mod_vvisit_counterIl Mese Scorso42659
mod_vvisit_counterTOTALE1174633

Albo On Line

Suap

Sportello Unico Attività produttive

IUC

DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI

R.A.Ri. E-Gov

Link Istituzionali

 ImgRegione

 

ImgProvincia

 

 

gazzetta ufficiale

 

 

Garanzia Giovani

Link Utili

 


ImgTrenitalia

 

ImgArpaOnLine

 

 



Mappa del Sito

Sondaggio

Come ti sembra il nuovo Portale Web Comunale?